mercoledì 3 dicembre 2008

Aspettando il Natale.........

Oggi non ho nulla da farvi vedere ma voglio condividere con voi le mie sensazioni.
Il Natale è l'unica festa dell'anno che a me piace particolarmente.
Adoro vedere nascere Gesù, sentire le campane in festa, i bambini
che scartano regali, le serate trascorse con i nostri cari, la mia casetta addobbata di nastri e decorazioni.
Tutto quello che vi ho elencato è stato quello che fino all'anno scorso ho vissuto.
Non mi ha fermato mai nessuno, nemmeno la malattia di mio papà.
Ricordo che i miei genitori l'anno scorso non avevano questa voglia di far festa, di più mia mamma che era troppo giù. Cosi un pomeriggio ho parlato sola con mio papà e gli ho chiesto se lui aveva voglia di comprare l' albero.
Lui mi ha risposto di si ma allo stesso tempo già aveva capito cosa avevo intenzione di fare.
Ho girato tutti i negozi, cercando l'albero che loro volevano.
L'ho trovato e l'ho portato a casa dai miei.
Mio padre allora ha sorriso, sentendosi coinvolto nell'area natalizia.
Mi sono messa in ginocchio e ramo dopo ramo l'albero era montato.
Mio padre era felice e io ero felice nel vedere lui.

Quest'anno è tutto diverso.
Non so se nella mia casetta quest'anno ci sarà un albero e un presepe a farmi compagnia.
Da un lato vorrei farlo, anche per mio marito; dall'altro non ho proprio voglia.
Mi sento confusa, avverto dentro di me emozioni opposte.
Ed è per questo che ancora nel mio blog non c'è nessuna decorazione natalizia.
Non so cosa farò, ci voglio pensare un altro po'.
Voi che ne pensate?Avete avuto esperienze simili alla mia?

4 commenti:

Berty ha detto...

Non ho avuto esperienze come la tua e non ti conosco... Sono stata spinta dalla voglia di lasciarti un commento perchè nel tuo profilo ho trovato un po' di me stessa... Sono sposata da poco, adoro mio marito e la mia casetta nuova... Amo molto ricamare e cucinare per abbellirla e lasciarci avvolgere dal calore che emana.
Amo altrettanto il Natale e, pur non potendo immaginare cosa stai provando, ti invito a lasciarti cullare dalla serenità che la vera festa del Natale può infondere...
Un dolore grande come il vostro lacera ed annulla, ma forse, soffermandoti a guardare ciò che hai sempre amato e il ricordo di quanta felicità avete avuto, uno spiraglio nel cuore si potrà aprire per lasciar penetrare un po' di luce.

Scusa l'intrusione...

Berty

P.S.Complimenti per i tuoi lavori all'uncinetto, ammiro tanto chi ha mani magiche...

Daniè ha detto...

Ciao Stefania, non ho avuto neanch'io esperienze simili alla tua e condivido ciò che ti ha scritto Berty... lasciati cullare dalla magia di questi giorni e sicuramente la malinconia farà capolino più volte, ma vivi tutti gli stati d'animo senza fingere che tutto sarà come sempre... le cose cambiano, ma il ricordo e le gioie vissute rimangono.
Un abbraccio
Daniela

Tiziana ha detto...

Non ho ancora perso il mio papà, anche se sta molto male e non sò se questo sarà l'ultimo natale che passerò con lui.
Però penso che si deve andare avanti nella vita.
Proprio perchè è talmente breve che non bisogna perdere neanche un giorno. Certo si sentirà sempre la mancanza di una persona così cara.
Ma non bisogna essere egoisti e pensare solo a se stessi, pensa anche a tuo marito, a tua madre.
Purtroppo è il destino di tutti quello di morire.
Ciao.
Tiziana.

girasolina ha detto...

Ringrazio tutti voi che mi avete lasciato un messaggio.
Vorrei tanto guardAre il futuro, facendomi penetrare da quella luce di serenità che adesso non ho, comemi suggerisce Betty,ascolterò il consiglio di Daniè e continuerò ad ascoltare me stessa e soprattutto mi sto chiedendo tutto ciò, come sottolinea Tiziana, perchè amo profondamente mio marito e la mia famiglia.
Vi terrò aggiornate, grazie ancora